NOEMA Home SPECIALS › Olografia Dinamica
Main
Intro
Istituto NIFKI: Cine Processo Olografico
MIT: Holovideo
Conclusioni
Bibliografia e sitografia

 

Olografia Dinamica

di

Santiago Sanchez Portales

 

[Ricerca seminariale realizzata per il Corso di Teoria e tecniche delle comunicazioni di massa
(prof. Pier Luigi Capucci), DAMS, Università di Bologna, A.A. 2000/2001
Programma del corso (pdf, 12 Kb)]

 

 

Gli ologrammi sono stati tipicamente immagini tridimensionali fisse, infatti per fare la registrazione d'un olograma originale si richiede di solito che l'oggetto da riprodurre sia tenuto con molta stabilità e con calma per un periodo di tempo. Inoltre, ci sono limitazioni severe sul formato degli oggetti che possono essere "olografati". Tuttavia da molto tempo si è riconosciuto che un display tridimensionale dinamico sarebbe uno strumento necessario molto utile in tantissime discipline più o meno relazionate con l'interazione, come la telepresenza, la teleformazione, la telemedicina, l'architettura, l'ingegneria... ma anche le tecnologie dell'informazione e dell'intrattenimento, come il cinema, la televisione, i videogiochi...