NOEMA Home SPECIALS › Il concetto di olografia nell'arte
Main
Il concetto di olografia nell'arte
Bibliografia

 

Il concetto di olografia nell'arte

a cura di

Roberto Sgallari

 

[Ricerca seminariale realizzata per il Corso di Teoria e tecniche delle comunicazioni di massa
(prof. Pier Luigi Capucci), DAMS, Università di Bologna, A.A. 2000/2001
Programma del corso (pdf, 12 Kb)]

 

 

<<E così un giorno, da uno degli schermi televisivi storicamente piatti, uscì "bucandolo" per la vera prima volta, il testimonial di un prodotto pubblicitario, che autoinvitandosi in casa dei telespettatori attoniti, li invitò ad avvicinarsi e a "tastare" con mano la qualità della merce in diretta!

Quel giorno l'olografia, che fino a quel momento non era che una tecnica di sperimentazione avveneristica, raggiunse per la prima volta il pubblico, cominciando a irrompere nello spazio, ribaltò tutte le regole della percezione; e aumentando ancora di più le già fitte forme artificiali del piacere, iniziò ad alimentare la mobilità dei fantasmi, del desiderio e dello stupore dell'identificazione.>>