NOEMA Home › NEWS
Tecnologie e Società

 

All'origine del cervello dei primati
26/07/2009

Un cranio della specie Ignacius graybullianus, appartenente a un ordine comparso in un arco di tempo di 10 milioni di anni tra l’estinzione dei dinosauri e i primi antenati tracciabili dei moderni primati, consente di limitare le ipotesi sull'aumento delle dimensioni cerebrali.

Sono quelle di un antico cervello di primate le immagini tridimensionali ottenute grazie a scansioni tomografiche computerizzate da un gruppo di ricercatori dell’Università della Florida (http://www.ufl.edu/) e dell’Università di Winnipeg (http://www.uwinnipeg.ca/), in Canada, e rivelano che questo nostro lontano parente filogenetico, vissuto 54 milioni di anni fa, faceva affidamento sulle sensazioni olfattive più che su quelle visive.

Lo studio, ora pubblicato sui ”Proceedings of the National Academy of Sciences” restringe le possibilità circa le cause dell’evoluzione di cervelli di maggiori dimensioni tra i primati.

Il passo verso un cervello di maggiori dimensioni avvenne per effetto di un’accelerazione evolutiva circa 10 milioni di anni dopo l’estinzione dei dinosauri. A quell’epoca, si svilupparono proporzionalmente di più le regioni che sovrintendono alla visione, mentre il bulbo olfattivo si mantenne in rapporto più piccolo.

Il cranio in questione – delle dimensioni di circa quattro centimetri e in buone condizioni - appartiene a un esemplare della specie Ignacius graybullianus, facente parte dell'ordine (estinto) dei Plesiadapiformi, comparsi in un arco di tempo di 10 milioni di anni tra l’estinzione dei dinosauri e i primi antenati tracciabili dei moderni primati.

"La maggior parte delle spiegazioni sull’evoluzione dei cervelli dei primati è basata su dati che riguardano i primati viventi”, ha spiegato l’autrice dello studio, Mary Silcox, antropologa della Winnipeg e ricercatrice del Museo di storia naturale dell’Università della Florida. "Perciò vi sono state solo ipotesi su come potevano essere i cervelli degli antichi primati; ora si è scoperto che molte di esse sono false.”

"Un ampio e complesso cervello è stato considerato per lungo tempo come uno dei maggiori passi che separarono i primati dal resto dei mammiferi”, ha aggiunto Jonathan Bloch, coautore dello studio. "A guardare le nostre umili origini, non è che fossimo poi così speciali: per tale processo occorsero decine di milioni di anni.”

In una precedente ricerca, Bloch e Silcox avevano stabilito che i Plesiadapiformi presentavano caratteristiche di transizione. Ignacius era simile ai moderni primati in termini di dieta e di abitudini arboricole, ma non era in grado di passare da albero ad albero.

Per molti aspetti, i primati delle origini si comportavano come quelli attuali, ma erano dotati di un cervello che era da metà a due terzi delle minime dimensioni di quelli moderni: ciò implica che fattori quali la capacità di arrampicarsi sugli alberi o una dieta a base di frutta possono essere eliminati come cause potenziali dell'evoluzione di un cervello di maggiori dimensioni, dal momento che Ignacius, dotato ancora di un cervello piccolo, già aveva queste abitudini."

La sorprendente combinazione di caratteristiche nei primi primati richiede una riconsiderazione dell'evoluzione del cervello, spiegano gli studiosi. (fc)

Tratto da "Le Scienze" online

http://www.lescienze.it/














Cerca dentro NOEMA - Search inside NOEMA



Iscriviti! - Join!

 

RSS

 

Top