ZOON – Un progetto del collettivo R.A.M.

Zoon è una creatura artificiale che esplicita la simbiosi esistente tra gli ambienti e i loro fruitori, che si spinge fino al farli divenire una cosa sola, suggerendo come spazio e tempo siano solo alcune delle dimensioni attraverso cui è possibile descrivere (e quindi interpretare) la realtà. Il dialogo tra suono e movimento si fa interprete dei tratti essenziali di un luogo, suggerendone continuità con la presenza umana al suo interno.

From: Cristina Trivellin

Fondazione D’Ars Oscar Signorini onlus con il contributo di Fondazione Cariplo
MELTINGPOT – cantiere creativo per la new media art

PRESENTA

MOSTRA DEL SECONDO CANTIERE CREATIVO

ZOON – Un progetto del collettivo R.A.M.

Inaugurazione: martedì 5 aprile 2011 ore 18.3

alle ore 17.30 avrà luogo la conferenza Estensioni virtuali di Stefano Scarani Studio D’Ars, Via Sant’Agnese 12/8 Milano, ingresso libero
La mostra avrà luogo dal 5 al 17 aprile 2011, orari lun-ven 16-19

Il secondo cantiere creativo MELTINGPOT, iniziato il 1 marzo 2011, ospita Zoon, progetto di ambiente sonoro sensibile del collettivo R.A.M., gruppo di giovani artisti di formazione eterogenea, formato da Francesco Fonassi, Michele Marelli, Daniel Pasotti, Giorgio Presti e Corrado Saija. Il gruppo svolge una ricerca sullo spazio sonoro, dove le tecnologie applicate diventano strumento di relazione tra contesti, presenze e ascolto individuale.
Zoon è una creatura artificiale che esplicita la simbiosi esistente tra gli ambienti e i loro fruitori, che si spinge fino al farli divenire una cosa sola, suggerendo come spazio e tempo siano solo alcune delle dimensioni attraverso cui è possibile descrivere (e quindi interpretare) la realtà. Il dialogo tra suono e movimento si fa interprete dei tratti essenziali di un luogo, suggerendone continuità con la presenza umana al suo interno. La musica viene dunque usata come nuova dimensione (o linguaggio) attraverso cui ognuno può percepire la continuità che lo lega agli altri.
Precede l’inaugurazione della mostra la conferenza Estensioni virtuali tenuta da Stefano Scarani. Arte, azione e reazione, sono i punti su cui la conferenza concentra l’attenzione: un’arte dove l’azione conferisce senso e che usa il media tecnologico nella sua potente capacità di imporre comportamenti e reazioni. Stefano Scarani ? musicista, videoartista, programmatore e docente di Sound design presso il Politecnico di Milano e di Composición con medios audiovisuales nel Centro Superior de Música del País Bascos Musikene. Fondatore con Alberto Morelli del collettivo Tangatamanu ha collaborato con artisti e collettivi come Peter Greenaway, Robert Wilson, Studio Azzurro, AGON, Moni Ovadia.
Il progetto MELTINGPOT mette a disposizione di giovani creativi un luogo di scambio, formazione, sperimentazione e produzione per progetti di new media art, sulla scia del know- how maturato dalla Fondazione D’Ars nello studio e nella promozione delle arti digitali. Situato nello Studio D’Ars, ogni cantiere offre agli artisti un luogo fisico in cui realizzare i propri lavori e attività di formazione condotte da professionisti del settore.
Il cantiere vuole inoltre porsi come punto di riferimento per la ricerca sui legami tra arte, scienze e nuove tecnologie, tramite appuntamenti divulgativi e workshop aperti al pubblico.
MELTINGPOT – cantiere creativo per la new media art è un progetto ideato e a cura di Martina Coletti, Viola Lilith Russi, Valentina Tovaglia, Cristina Trivellin.

www.cantierecreativo.org
Info:info@cantierecreativo.org t. 02 860290

Con il patrocinio di Regione Lombardia

http://www.cantierecreativo.org
info@cantierecreativo.org

Tags:


Dialogismi e biopoetiche / Dialogisms and biopoetics


Contemplating Greenness


Emergence of Creative Machines


Berg emotional soundscapes


The Art of Emotional Intelligence


Media fingerprints in the representation


La Cura Summer school


Regulation and Social Media: Speed Bumps or the Code 2.0


Beyond the map: an experiment in affective geographies


Note sulla Survey dei 15 anni di attività di Noema / Note on Noema’s 15th Anniversary Survey


Survey per i 15 anni di attività di Noema / Survey on Noema 15 years of activity


Noema, un’analisi su 15 anni di innovazione / an analysis on 15 years of innovation


L’età dell’ansia. Egloga post-digitale / The Age of Anxiety: a Post-digital Eclogue


Refounding Legitimacy Toward Aethogenesis


Staging Aliveness, Challenging Anthropocentrism: Subverting an Art Historical Paradigm


A Different Theory of Mediation for Technospaces


The Tesseract: between mediated consciousness and embodiment


Sul concetto di Media Art / On the Notion of Media Art