XXV Premio Oscar Signorini – Robotic Art

Il fine dell'iniziativa è quello di porsi come riflessione attenta alle problematiche dell'attualità; attraverso il punto di vista privilegiato dell'arte contemporanea, interrogata nelle sue forme più attuali, emblematiche e internazionali. Ecco perchè per il 2008 il Premio Oscar Signorini guarda all'arte robotica chiamando in causa una giuria di rilievo internazionale, composta da teorici e artisti affermati, ad ognuno dei quali è stato chiesto di candidare due giovani artisti.

From: Cristina Trivellin

Lo studio D’Ars presenta:

XXV Premio Oscar Signorini – Robotic Art

a cura di: Cristina Trivellin e Martina Coletti

Proclamazione del vincitore e mostra dei progetti selezionati
Martedì 16 dicembre 2008 ore 18:00-23:00
Via Sant’Agnese 12/8, Milano

Ho sempre considerato l’arte il principale mezzo che gli uomini hanno
per comunicare fra di loro, sentendosi nella storia e in armonia con la natura.
E in questa comunicazione risiede la felicità

Pierre Restany, 31 marzo 2003

Il Premio è stato istituito nel 1984 in memoria del fondatore di D’Ars, Oscar Signorini (1910-1980), e si rivolge annualmente ai giovani artisti under 35.

Questa XXV edizione è dedicata all’Arte Robotica, ovvero alla tematica della tecnologia robotica impiegata in ambito creativo e artistico. Come ogni anno il Premio propone una sfida volta alla comprensione e alla divulgazione di temi strettamente legati alla cultura e alla società contemporanee.
Il fine dell’iniziativa è quello di porsi come riflessione attenta alle problematiche dell’attualità attraverso il punto di vista privilegiato dell’arte contemporanea, interrogata nelle sue forme più attuali, emblematiche e internazionali.
Ecco perché per il 2008 il Premio Oscar Signorini guarda all’arte robotica chiamando in causa una giuria di rilievo internazionale, composta da teorici e artisti affermati, ad ognuno dei quali è stato chiesto di candidare due giovani artisti. Tale giuria è composta da: Pier Luigi Capucci (Presidente), Eduardo Kac, Riccardo Notte, Luigi Pagliarini, Laura Sansavini, Pavel Smetana e Franco Torriani.

Gli artisti nominati dalla giuria sono: Adelin Schweitzer (Francia), Paula Gaetano (Argentina), Haakon Faste (USA), Shih-Chieh Huang (Taiwan), Niklas Roy (Germania), Ximo Lizana (Spagna), Garnet Hertz (Canada), Nemo Gould (USA), Ulrich Emanuel Andel e Christian Gutzers (Germania).

Martedì 16 dicembre alle ore 19 presso lo studio D’Ars si inaugura la mostra che esporrà i progetti (rendering e illustrazione dei lavori) dei primi tre classificati e verrà comunicato il nome del vincitore al quale verrà offerta una mostra personale presso lo Studio D’Ars nel corso del 2009.

La mostra sarà anche l’occasione per rendere omaggio ad un pioniere dell?arte robotica in Italia, Luigi Pagliarini, esponendo un saggio del suo lavoro.

L’esposizione resterà aperta sino a lunedì 22 dicembre 2008
Orario: da lunedì a giovedì dalle 15.30 alle 19 – venerdì dalle 17 alle 19.00. Sabato e festivi chiuso
Per informazioni:
Tel. 02 860290 02 86450302

Website: http://www.dars.it

Tags: ,


Dialogismi e biopoetiche / Dialogisms and biopoetics


Contemplating Greenness


Emergence of Creative Machines


Berg emotional soundscapes


The Art of Emotional Intelligence


Media fingerprints in the representation


La Cura Summer school


Regulation and Social Media: Speed Bumps or the Code 2.0


Beyond the map: an experiment in affective geographies


Note sulla Survey dei 15 anni di attività di Noema / Note on Noema’s 15th Anniversary Survey


Survey per i 15 anni di attività di Noema / Survey on Noema 15 years of activity


Noema, un’analisi su 15 anni di innovazione / an analysis on 15 years of innovation


L’età dell’ansia. Egloga post-digitale / The Age of Anxiety: a Post-digital Eclogue


Refounding Legitimacy Toward Aethogenesis


Staging Aliveness, Challenging Anthropocentrism: Subverting an Art Historical Paradigm


A Different Theory of Mediation for Technospaces


The Tesseract: between mediated consciousness and embodiment


Sul concetto di Media Art / On the Notion of Media Art